Aglio e gravidanza: è possibile che una futura madre mangi questa verdura?

Una conclusione è stata a lungo tratteggiata sulle specificità delle preferenze gastronomiche durante la gravidanza: più insolite, più gustose. E questo è vero, perché durante la gravidanza, le donne subiscono cambiamenti fisiologici e psicologici, che, a loro volta, influenzano gli sbalzi d'umore e le preferenze del gusto, il che comporta molteplici mal di testa di mariti esigenti e sospiri pesanti dei medici. È possibile mangiare queste verdure nel primo, secondo e terzo trimestre e quali benefici e danni hanno per le donne in gravidanza? Inoltre, nel nostro articolo diremo come combinare una verdura e anche se può essere consumata in una forma cotta o con crostini.

Beneficio e danno

Cosa si sa sull'uso dell'aglio durante la gravidanza? Aglio - una delle colture orticole più utili oggi, contiene sostanze utili come fitanidi, allicina, folico, silicico, fosforico, acidi solforici, sali minerali, ferro, zinco, magnesio, sodio, calcio, manganese, iodio, vitamine B, D, P e altri composti.

È un eccellente agente immunostimolante, uccide i microbi, migliora la digestione, dilata i vasi sanguigni e attiva l'attività cardiaca. Durante la gravidanza, queste qualità utili sono semplicemente necessarie, perché l'assunzione di farmaci nelle gestanti è rigorosamente limitata per non danneggiare il bambino.

Ma, nonostante tutti i vantaggi dell'aglio, questa coltura vegetale, se non si osserva la quantità di consumo, può causare manifestazioni dannose come bruciore di stomaco, assottigliamento del sangue, incompatibilità con alcuni farmaci, sviluppo di allergie al prodotto, contrazioni uterine attive, che aumenta il rischio di minaccia ulteriore sviluppo della gravidanza, motivo per cui non è possibile abusare di questa coltura vegetale. È possibile mangiare una verdura durante la gravidanza nelle prime fasi, anche durante il 1o trimestre o no?

Per non indovinare invano - dovresti essere guidato dal tuo benessere e, soprattutto, consultare il tuo medico .

Ti consigliamo di guardare un video sui benefici e i danni dell'aglio:

Sul nostro portale troverai molte informazioni utili sulle indicazioni e controindicazioni per l'uso dell'aglio. Leggi anche se questo ortaggio può essere mangiato con pancreatite e colecistite, con malattie del fegato, con pressione sanguigna alta o bassa, con gastrite, gotta e anche con diabete di tipo 1 e di tipo 2.

Utilizzare durante diversi trimestri di gravidanza

È possibile mangiare verdure in una data precoce e successiva e in che modo ciò influisce sul corpo durante la gravidanza?

I medici raccomandano di determinare la quantità di aglio consumata dalle future madri, in base alla durata della gravidanza:

  • Nelle prime fasi, vale a dire durante il primo trimestre, è ragionevole mangiare aglio, perché durante questo periodo il corpo femminile è particolarmente vulnerabile e ha bisogno di elementi utili come l'allicina e l'acido folico, di cui l'aglio è così ricco. L'allicina è un antibiotico naturale e l'acido folico fornisce condizioni ottimali per la struttura del DNA e dell'RNA, svolge un ruolo importante nella divisione cellulare.

    Ma vale la pena prestare attenzione, poiché per eventuali problemi di gravidanza, così come per la tossicosi, questo prodotto dovrebbe essere abbandonato per un po '. La norma consentita è 1-2 spicchi d'aglio al giorno.

  • Durante il secondo trimestre, l' uso dell'aglio non causa molti danni, poiché a questo punto il feto è già protetto dalla placenta e dal liquido amniotico.

    È necessario solo concentrarsi sul benessere e sulla tolleranza del prodotto. La quantità raccomandata di aglio consumata è di 2 spicchi al giorno.

  • Nel tardo periodo, nel terzo trimestre, è necessario ridurre al minimo l'uso dell'aglio o rimuoverlo completamente dalla dieta: l'aglio porta al diradamento del sangue, che può provocare forti emorragie durante il parto e un taglio cesareo.

    Inoltre, negli ultimi mesi di gravidanza, le donne incinte sono spesso inseguite dal bruciore di stomaco e l'aglio è la sua causa comune.

Effetto sul corpo della madre e del feto

Fondamentalmente, l'aglio influisce favorevolmente sul corpo della futura mamma e l'enorme quantità di sostanze nutritive in questo vegetale parla da sé. Ma la cosa più importante nell'uso dell'aglio è il rispetto della norma, perché l'eccesso di cibo di qualsiasi prodotto, non solo dell'aglio, non è stato benefico per nessuno. Dovresti sempre fare affidamento sul tuo benessere - a causa del consumo anormale di aglio nelle donne in gravidanza, l'intolleranza a questo prodotto e spesso si verificano reazioni allergiche.

! importante Per quanto riguarda l'effetto dell'aglio sul feto - è minimo quando si osservano le norme d'uso.

Come è noto da quanto sopra, si raccomanda una quantità limitata di aglio nel primo trimestre, a causa della sua capacità di causare contrazioni uterine al fine di ridurre il rischio di aborto spontaneo.

Durante il secondo trimestre, le future mamme si lamentano spesso del fatto che al bambino non piace l'odore dell'aglio e inizia a infuriare nella pancia. Questa è una situazione piuttosto doppia, perché ogni medico risponderà che il bambino è protetto in modo affidabile dalla placenta e che nessun odore e sapore gli passano . Ma se esiste davvero una connessione tra l'ansia del bambino nello stomaco e l'uso dell'aglio, dovresti abbandonare questo prodotto.

Dosaggio massimo

L'assunzione raccomandata di aglio è di 1-2 chiodi di garofano durante il primo e il secondo trimestre, nel terzo trimestre questo prodotto dovrebbe essere completamente abbandonato.

Cipolle

È accettabile usare cipolle e altre cipolle? Le cipolle, come l'aglio, sono straordinariamente utili durante la gravidanza, poiché sono ricche di acido folico, che riduce il rischio di sviluppare patologie del feto, il ferro - la cui base è l'emoglobina, è doppiamente necessaria per il corpo femminile durante la gravidanza e la vitamina C, che aiuta l'assorbimento del ferro.

Tuttavia, come l'aglio, è consentito mangiare moderatamente cipolle per prevenire bruciori di stomaco, reazioni allergiche e intolleranza al prodotto durante la gravidanza.

In quale forma è consentito mangiare?

L'aglio è una spezia molto popolare e gli amanti di questa verdura si sforzano di condire ogni piatto con loro o addirittura di mangiarlo per niente. Durante la gravidanza, questo trucco non funzionerà: le future mamme devono limitare l'assunzione di aglio . Ma se vuoi davvero l'aglio, specialmente in un periodo in cui le abitudini gastronomiche cambiano radicalmente, come puoi usare l'aglio, preservandone le proprietà utili e non danneggiare il corpo?

L'aglio crudo dovrebbe essere preferito - poiché tutte le sostanze benefiche del prodotto vengono preservate, si consiglia di mangiarlo entro 1-2 chiodi di garofano.

Un'ottima opzione per cucinare l'aglio è la tostatura in forno, preservando così la maggior parte dei nutrienti della verdura e il gusto dell'aglio cotto diventa molto più tenero. Se vuoi sgranocchiare con fette utili, dovresti provare l'aglio in salamoia e può anche essere combinato con crostini. È possibile mangiare tale aglio senza paura per la mancanza di proprietà utili per il corpo di una donna incinta? Certo, sì, perché i benefici della verdura rimangono quasi intatti e puoi mangiare tale aglio senza paura per un odore specifico dalla bocca.

Posso mangiare con un raffreddore?

Con il freddo, l'aglio è un potente antibiotico naturale e per le future mamme è solo una scoperta. È noto da tempo che l'aglio aumenta la resistenza del corpo a infezioni e raffreddori, quindi mangia deve essere iniziato prima dell'epidemia di raffreddori. Se mastichi diversi spicchi d'aglio, puoi uccidere tutti i batteri nella cavità orale, impedendo loro di diffondersi ulteriormente.

L'allicina, che fa parte di questa medicina alternativa, è dotata della capacità di assottigliare il muco, quindi aiuterà a far fronte al problema dell'accumulo di muco nel rinofaringe e persino nei bronchi .

Il prodotto è dotato di proprietà uniche, ognuna delle quali migliora l'azione dell'altra, quindi non è necessario dubitare che l'aglio aiuti davvero contro il raffreddore. L'unica cosa che vale la pena ricordare è il rispetto del dosaggio del prodotto nelle diverse fasi della gravidanza.

Quando è severamente vietato un ortaggio?

I ginecologi vietano severamente l'uso dell'aglio per le future mamme in caso di :

  1. Allergie al prodotto.
  2. Intolleranza individuale.
  3. Con tossicosi
  4. Con problemi di portamento del feto.
Ora che hai appreso le caratteristiche del consumo di aglio durante la gravidanza, leggi se questo prodotto è consentito alle madri che allattano, nonché da quale età darlo ai bambini.

La gravidanza è un evento meraviglioso nella vita di ogni donna, ed è in questo momento che le future madri cercano di monitorare attentamente la loro salute e la salute del loro bambino. L'uso dell'aglio durante la gravidanza è un'eccellente misura preventiva per proteggere l'immunità sia della madre che del bambino, i ginecologi moderni sono inclini a farlo, quindi non rifiutare questo prodotto, ma cerca di limitare moderatamente la quantità di prodotto nella dieta quotidiana.

Devi essere in grado di ascoltare il tuo corpo e seguire le raccomandazioni del tuo medico e quindi l'uso di qualsiasi prodotto, incluso l'aglio, non danneggerà la salute della madre e del bambino.

Articoli Correlati