Considera come innaffiare le piantine di melanzane: l'acqua e la frequenza di irrigazione corrette, le caratteristiche del regime dopo una raccolta e un trapianto, consigli utili

La melanzana è una cultura piuttosto capricciosa che richiede un'attenta cura nel rispetto di tutte le regole agrotecniche. Non ci sono inezie in questo processo.

Fertilizzare, trapiantare, osservare il regime di temperatura - lo sviluppo delle piante e il raccolto futuro dipendono da questi punti. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla corretta irrigazione.

Tutto è importante: la frequenza della procedura, il momento in cui viene eseguita, la qualità e la temperatura dell'acqua.

Acqua per irrigazione: cosa preferire?

Come altre piantine, le giovani melanzane preferiscono l'acqua dolce: sciogliere, piovere, bollire . In casi estremi, l'acqua di rubinetto ordinaria può essere lasciata in recipienti aperti per evitare il cloro.

La temperatura ideale per l'irrigazione è vicina alla temperatura ambiente. Il freddo può causare shock nelle piante e causare malattie spiacevoli (marciume radicale o gamba nera).

Di tanto in tanto è utile innaffiare le piantine con infusi nutrienti . L'acqua insistente sui gusci d'uovo arricchirà il terreno con potassio e calcio. È facile da cucinare.

Il guscio schiacciato di 10 uova di gallina viene versato con acqua calda e lasciato per diversi giorni. Dopo il filtraggio, l'infusione può essere utilizzata per l'irrigazione.

Non meno utile infuso di tè per dormire . Le foglie di tè o le bustine di tè usate vengono versate con acqua bollente. Dopo alcuni giorni, l'infusione tesa può essere utilizzata per innaffiare le piantine. Aggiungerà preziosi oligoelementi al terreno, le piante saranno più forti.

Per la disinfezione e l'alimentazione del suolo , viene utilizzata anche l'acqua infusa con cenere di betulla . I fertilizzanti naturali a bassa concentrazione non contribuiscono all'accumulo di nitrati, sono adatti per i sostenitori della coltivazione di ortaggi senza condimento artificiale.

Questi integratori alimentari non saranno superflui per coloro che usano fertilizzanti minerali più forti. Le infusioni di uova, ceneri o tè sostituiscono l'acqua ordinaria per l'irrigazione.

Come innaffiare le piantine di melanzane dopo la semina?

La prima irrigazione inizia dopo la preparazione del terreno . Per la disinfezione, il terreno viene versato con una soluzione calda di permanganato di potassio. I semi vengono immersi in un promotore della crescita e quindi seminati in un contenitore comune o in singoli contenitori.

I semi vengono ricoperti di terra, dopodiché vengono delicatamente spruzzati con acqua calda dalla pistola a spruzzo. Maggiori informazioni sulla preparazione dei semi prima della semina.

Per mantenere un normale livello di umidità e temperatura elevata, le piantagioni sono coperte con un film plastico.

L'irrigazione successiva si verifica 2-3 giorni dopo l'emergere di piantine . A questo punto, il terriccio dovrebbe essere leggermente asciutto.

Il terreno può essere allentato con cura con un piolo di legno o uno stecchino. Questa procedura non consentirà la formazione di una crosta densa in superficie, le piantine saranno in grado di respirare normalmente.

Le melanzane non amano l'umidità eccessiva, non possono essere versate . Per innaffiare i germogli delicati, è conveniente usare una siringa, un cucchiaino o uno spray. È importante non erodere il terreno per non esporre i semi.

Tempo difficile: selezionare

Le melanzane hanno radici molto fragili che sono facili da danneggiare . Le piante difficilmente tollerano la raccolta; in questo momento devono essere maneggiate con particolare attenzione.

La procedura viene eseguita in anticipo, immediatamente dopo lo spiegamento della prima coppia di questi fogli. 1-2 giorni prima di spostare le piantine vengono abbondantemente annaffiate . In caso contrario, grumi di terra asciutti possono staccare le radici durante il trapianto.

Le piante vengono delicatamente colpite con un piolo appuntito e trasferite in una nuova pentola insieme a un piccolo pezzo di terra. La piantina viene messa in un buco preparato e delicatamente innaffiata lungo il gambo . Questa procedura aiuterà le radici a raddrizzarsi, la pianta si adatta più velocemente a un nuovo posto.

Dopo la raccolta, le giovani melanzane non annaffiano per 4-5 giorni . Durante questo periodo, le radici diventano più forti e iniziano a attirare attivamente l'umidità dal terreno.

Umidifica le piantine da una pistola a spruzzo o da un piccolo annaffiatoio, 1 volta in 6-7 giorni. Tra un'annaffiatura e l'altra, il terreno dovrebbe asciugarsi.

La procedura deve essere eseguita solo con tempo caldo, evitando l'umidità sulle foglie. È importante proteggere le piantine dalla luce solare diretta, è meglio annaffiarle al mattino presto o dopo il tramonto . Lo stesso regime è raccomandato per le piante adulte.

Dopo la prima irrigazione, è necessario nutrire le piantine con fertilizzante complesso liquido una volta alla settimana . Dopo aver nutrito le piante, si consiglia di versare acqua calda.

Le piantine coltivate richiedono più fluido dei germogli appena emersi. Non è necessario spruzzare le piantine, le gocce che rimangono sulle foglie alla luce del sole possono causare ustioni.

La melanzana non tollera il ristagno di umidità nel terreno . Per evitare ciò, vengono praticati fori di drenaggio sul fondo delle pentole, dopo di che i contenitori vengono installati sul pallet. L'acqua che appare nella padella deve essere drenata. Un sottile strato di cenere di legno sparso sulla superficie del terreno aiuterà a salvare le melanzane durante il ristagno.

Irrigazione dopo il trapianto in serra

Alla vigilia di trasferirsi in un luogo di residenza permanente, le piantine vengono abbeverate abbondantemente. Ciò aiuterà le melanzane a sopravvivere più facilmente al movimento, le radici non saranno ferite. Prima del trapianto, il terreno viene versato con una soluzione di permanganato di potassio .

Le piante vengono trasferite in pozzi preparati mediante trasbordo, con un grumo di terra conservato. L'irrigazione delle melanzane non dovrebbe essere annaffiata immediatamente dopo il trapianto . Le radici sono sufficientemente inumidite, dovrebbero diventare più forti e iniziare a attirare attivamente l'acqua disponibile dal terreno.

Quanto spesso annaffiare le piantine di melanzane? Questo dovrebbe essere fatto 1 volta in 6-7 giorni . Dopo l'irrigazione, il terreno si allenta delicatamente, questo ti consente di sbarazzarti di una crosta densa che impedisce l'accesso dell'ossigeno alle radici.

Innaffia le melanzane al mattino o alla sera, quando fa caldo. Non è possibile riempire le piante, l'umidità in eccesso rallenterà la formazione di ovaie e può provocare marciume radicale o dei vertici.

Dopo l'irrigazione, si consiglia di ventilare la serra per regolare il livello di umidità. Se i barili d'acqua sono direttamente nella serra, è meglio coprirli con un foglio.

Piantine per annaffiare le melanzane: piccoli segreti

Non è consigliabile innaffiare le piantine con un forte flusso d'acqua che erode il terreno. È meglio usare un diffusore a maglie fini per un tubo o un annaffiatoio.

L'umidità è distribuita sul terreno tra le piante. Più leggero è il terreno, più facile è regolare il livello di umidità.

Il terreno pesante a base di argilla non assorbe bene l'umidità. Correggere la situazione aiuterà ad allentare frequentemente e introdurre una piccola porzione di torba nel terreno. Puoi fare alcune forature profonde vicino alle piante, miglioreranno l'assorbimento.

Per mantenere un normale livello di umidità, il terreno può essere pacciamato con fibra di cocco, paglia, humus o materiale di copertura . Questa tecnica è particolarmente utile per le piante in pieno campo.

Dopo la pacciamatura, le piante vengono annaffiate attraverso i fori lasciati negli steli. La frequenza dell'umidità del suolo può essere ridotta a 1 volta in 6-7 giorni.

In media, sono necessari circa 3 litri di acqua per pianta . La quantità di umidità dipende dalla temperatura dell'aria e dallo stadio di sviluppo della melanzana.

Si consiglia un'abbondante irrigazione durante la fioritura, dopo la formazione di ovaie, diminuisce leggermente. Con una diminuzione della temperatura dell'aria, la quantità di umidità viene ridotta; nel calore, è possibile aumentare porzioni di acqua.

Nella serra è possibile organizzare l'irrigazione a goccia . Il sistema fornirà l'umidità in modo dosato, evitando così l'eccessiva umidificazione.

Quando si costruisce l'irrigazione a goccia, non è possibile collegarlo direttamente al condotto dell'acqua, altrimenti l'acqua sarà troppo fredda. È necessario un serbatoio intermedio per consentire il riscaldamento alla temperatura desiderata.

Una corretta annaffiatura protegge le melanzane dalle malattie, consentendo loro di svilupparsi correttamente e sviluppare la forza per frutti futuri. Il regime stabilito sarà utile non solo per i giovani, ma anche per le piante adulte trapiantate in piena terra o in serra.

ATTENZIONE! Scopri a quali malattie sono soggette le melanzane: cosa fare se le piantine cadono, si allungano o muoiono completamente? Cause di macchie bianche, ingiallimento e arricciamento delle foglie. E anche quali parassiti possono attaccare le giovani piantine?

Materiali utili

Leggi altri articoli sulla coltivazione e la cura delle piantine di melanzane:

  • Diversi metodi di coltivazione: in compresse di torba, in una lumaca e persino su carta igienica.
  • Tutte le caratteristiche della semina secondo il calendario lunare.
  • Regole d'oro per crescere dai semi.
  • Caratteristiche della coltivazione in varie regioni della Russia: negli Urali, in Siberia e nella regione di Mosca.

Articoli Correlati