I benefici e i danni del mangiare aglio per le malattie del fegato

L'aglio è molto comune nella medicina popolare a causa delle sue proprietà uniche. Esistono molte ricette che promettono la purificazione e il ripristino del corpo.

Inoltre, l'aglio, per il suo gusto, è un componente di molti piatti. Tuttavia, molti temono effetti negativi.

Pertanto, è necessario assicurarsi che sia sicuro utilizzare l'aglio per le malattie del fegato. Successivamente, ti diremo quali effetti ha una verdura sul corpo, se può essere mangiata per malattie del fegato e se può essere pulita.

Perché sorge la questione della sicurezza delle applicazioni?

L'aglio contiene un gran numero di sostanze attive che determinano l'effetto terapeutico. Tuttavia, queste stesse sostanze hanno non solo un effetto positivo, ma anche un effetto negativo.

Pertanto, è necessario considerare come le sostanze influenzano gli organi colpiti.

I bulbi d'aglio contengono sostanze volatili, che forniscono l'effetto antibatterico di questo ortaggio. Di non meno importanza è l'olio essenziale, che determina l'odore specifico e il gusto unico dell'aglio.

La composizione del vegetale comprende anche composti azotati, composti contenenti zolfo (diallildisolfuro, allilpropil disolfuro, dipropil disolfuro, ecc.), Tiocianato - alliina (precursore dell'allicina), fitosteroli, vitamina C e altre vitamine, i bulbi concentrano il selenio in una quantità abbastanza grande.

È permesso usare una verdura con un organo malato?

Il fegato è l'organo principale che si occupa della neutralizzazione dei composti chimici che entrano nel nostro corpo. Pertanto, in presenza di malattie del fegato, quando questa funzione viene interrotta, un eccesso di composti chimici neutralizzati dal fegato può danneggiare ancora di più gli organi.

Eppure, è possibile mangiare una verdura con un organo malato? In quantità moderate, l'aglio avrà un effetto detergente positivo sul fegato. Inoltre, l'estratto di aglio secco fa parte del farmaco utilizzato per le malattie del fegato, della cistifellea e della costipazione comune.

Che importanza ha il disturbo?

Non importa quale malattia sia la cerrosi o l'epatite C. Importa solo quanto è colpito l'organo.

Con danni epatici significativi, non usare quantità eccessive di aglio. Se hai qualche malattia del sistema digestivo, dovresti consultare il tuo medico prima di iniziare a prendere e assicurarti che non ti danneggi.

In che modo influisce?

vantaggi:

  • I bulbi d'aglio sono ricchi di sostanze benefiche. L'aglio contiene l'amminoacido metionina, che protegge le cellule del fegato da danni da fattori esterni. Grazie alla metionina, gli epatociti ripristinano la loro struttura e stabilizzano le funzioni dell'organo.
  • Le sostanze attive contenute nella verdura stimolano il deflusso della bile, che previene il ristagno nei dotti biliari, allevia il fegato e previene il processo di formazione di calcoli nella cistifellea e nel tratto biliare.
  • Il succo d'aglio aiuta a ridurre il colesterolo nel sangue, prevenendo lo sviluppo dell'aterosclerosi.
  • I fitoncidi hanno un effetto antibatterico, riducendo il rischio di reazioni infiammatorie.

nuocere:

  • Le lampadine contengono allicina. Entrando nel corpo e assorbita nel sistema circolatorio, l'allicina provoca un aumento della produzione di enzimi che causano la distruzione delle cellule.
  • I metaboliti formati durante il metabolismo hanno un effetto tossico sugli epatociti.
  • La digestione richiede un carico grave sul pancreas.
  • I composti contenenti zolfo nella composizione possono influenzare negativamente il corpo, causare mal di testa, rallentare la reazione e portare alla distrazione.

Maggiori informazioni su chi può e chi è controindicato nell'uso dell'aglio, lo abbiamo detto in un articolo separato.

È in grado di pulire?

L'aglio può pulire il fegato e i dotti biliari, ma se hai una malattia, dovresti consultare il tuo medico e assicurarti che non ci siano controindicazioni.

dosaggio

Le verdure possono essere consumate non più di 1 spicchio al giorno. Più aglio influisce negativamente su tutto il corpo. È meglio mangiare l'aglio quando viene cotto, come ingrediente o condimento in un piatto. È meglio dividere la norma giornaliera in diverse dosi per ridurre al minimo il carico sul corpo.

Ora che conosci le peculiarità dell'utilizzo dell'aglio per le malattie del fegato, leggi se questo prodotto può essere usato per pancreatite e colecistite, per gotta o gastrite, per donne in gravidanza e in allattamento, per diabete di tipo 1 e di tipo 2, per problemi di pressione e anche a che età darlo ai bambini.

conclusione

L'aglio è un prodotto molto salutare. Ha un numero enorme di effetti curativi. Tuttavia, allo stesso tempo, ha anche proprietà negative. Pertanto, è necessario valutare i pro e i contro prima di iniziare a prenderlo per scopi medici.

Articoli Correlati