In un linguaggio semplice sulla tecnologia per la produzione di zucchero dalle barbabietole da zucchero, anche a casa

Ottenere zucchero dalle barbabietole da zucchero in fabbrica ea casa. Frantumare un malinteso comune. Molte persone credono che lo zucchero di canna sia una cosa, e lo zucchero di barbabietola è un'altra.

In effetti, non c'è differenza tra zucchero di canna e di barbabietola. Lo zucchero raffinato per alimenti raffinati è il solito saccarosio, qualunque sia la sua origine.

Questo articolo descrive in dettaglio come lo zucchero viene prodotto nelle fabbriche, quanto viene ricavato da 1 tonnellata di barbabietole e come realizzare un prodotto naturale a casa.

Quali varietà di ortaggi a radice producono un prodotto dolce?

La barbabietola è nota alla gente da molto tempo - la prima menzione di questa coltura vegetale risale al secondo millennio a.C. Da allora, gli allevatori hanno allevato molte delle sue varietà. Ci sono forme di foglie tra loro, ad esempio - bietole, la maggior parte delle quali sono raccolti.

Le forme di radice di barbabietole sono divise in alimenti e mangimi. Le attuali barbabietole da zucchero provenivano da varietà di foraggi. È successo abbastanza tardi - nel XVIII secolo.

Le moderne varietà e ibridi di barbabietole da zucchero contengono fino al 18% di zucchero . I migliori - Crystal, Manege, Nesvizh, ecc. Come estrarre lo zucchero da loro - lo diremo ulteriormente.

Tecnologia e attrezzature allo zuccherificio

Descriveremo brevemente come lo zucchero viene prodotto sulla base delle coltivazioni di radici in fabbriche speciali (puoi scoprire come vengono utilizzate le barbabietole da zucchero e cosa ottengono nel processo di elaborazione qui). La produzione nello stabilimento avviene in più fasi tecnologiche.

  1. Fase preparatoria (linea di lavaggio e lavaggio) . Nelle barbabietole, portate direttamente dal campo o dal deposito, pietre, frammenti, pezzi di metallo possono essere catturati. È pericoloso per l'attrezzatura. Le barbabietole possono essere solo sporche.

    Per evitare la perdita di zucchero durante il lavaggio, la temperatura dell'acqua è controllata - non deve superare i 18 gradi. Dopo il lavaggio, le barbabietole vengono sciacquate con acqua clorata - al ritmo di 10-15 kg di candeggina per 100 tonnellate di barbabietole. Quindi le barbabietole vengono alimentate al trasportatore. Lì lo soffiano con un forte flusso d'aria. Ciò rimuove l'acqua residua e le impurità leggere aderenti.

    Caratteristiche particolari:

    • trasportatori idraulici (contemporaneamente alla fornitura di barbabietole, viene lavato dallo sporco);
    • trappole di sabbia, trappole di pietra, trappole superiori;
    • separatori d'acqua;
    • lavatrici.
  2. Triturazione . Come è fatto? Le barbabietole da zucchero preparate vengono pesate e alimentate nella tramoggia di stoccaggio. Da qui viene sotto il suo stesso peso per la macinazione in affettatrici centrifughe, a tamburo o a disco. La larghezza dei trucioli risultanti è compresa nell'intervallo 4-6 e lo spessore è 1, 2-1, 5 millimetri.

    Caratteristiche particolari:

    • trasportatore con separatore magnetico;
    • affettatrice di barbabietole;
    • scale;
  3. Diffusione . Negli impianti di diffusione si verifica il processo principale: la lisciviazione dello zucchero dal materiale tritato. Le patatine vengono trattate con acqua calda e forniscono zucchero e altre sostanze solubili alla soluzione. Questo processo si verifica ad una temperatura di circa 70-80 gradi in un ambiente leggermente acido.

    Un ambiente ricco di zuccheri è un terreno fertile per lo sviluppo di microrganismi. Ciò porta al deterioramento del prodotto e a conseguenze più pericolose, ad esempio possibili esplosioni. Pertanto, nel processo di diffusione, una soluzione di formalina viene periodicamente aggiunta all'apparato.

    La sua concentrazione finale è bassa - 0, 02% della massa totale del prodotto, ma sufficiente per sopprimere la microflora attiva. Il prodotto che si ottiene in questa fase è il succo di diffusione. È un liquido torbido che si scurisce rapidamente nell'aria. Contiene una grande quantità di polpa.

    La polpa è separata sulla testa. Il secondo prodotto è la polpa di barbabietola. Viene pressato e inviato direttamente all'alimentazione del bestiame o essiccato.

    Caratteristiche particolari:

    • impianto di diffusione (a vite o rotativo);
    • essiccatore di polpa
  4. Purificazione del succo di diffusione . Il succo ottenuto dopo la diffusione è una miscela complessa di molte sostanze organiche solubili di diversa natura. Per pulire il succo da queste impurità, viene eseguito un processo di defecazione.

    Il processo con questo nome poco appetibile viene eseguito in due fasi. Dipende dalla lavorazione del succo di lime (latte di lime). La reazione della soluzione raggiunge pH 12, 2 - 12, 4, ovvero la soluzione diventa alcalina.

    Allo stesso tempo, gli acidi organici vengono neutralizzati, le proteine ​​precipitano. Altre impurità indesiderabili reagiscono anche. I prodotti di reazione precipitano immediatamente o vengono rimossi nella fase successiva - la fase di saturazione. Il termine "saturazione" si riferisce al processo di "carbonatazione" noto a tutti, ovvero alla saturazione di una soluzione con anidride carbonica. In questo caso, si forma una sospensione fine di carbonato di calcio (gesso normale), che assorbe le impurità coloranti.

    Quindi la soluzione viene filtrata e ri-saturata. Prima di questo, se necessario, a volte vengono eseguiti movimenti intestinali ripetuti. Successivamente, la soluzione risultante limpida, ma ancora colorata, viene trattata con biossido di zolfo (biossido di zolfo). Questo processo si chiama solfitazione. In questo caso, la reazione alcalina della soluzione diminuisce e si verifica il suo scolorimento. Anche la viscosità dello sciroppo è ridotta.

    Caratteristiche particolari:

    • apparato di defecazione;
    • filtro con dispositivo di riscaldamento;
    • carbonatore;
    • sulfitator;
    • serbatoio di sedimentazione.
  5. Ispessimento e cristallizzazione . Il succo ottenuto dopo la solfitazione è una comune soluzione insatura di saccarosio. Se la soluzione viene addensata a uno stato saturo, quindi in essa, come è noto dal corso di fisica della scuola, inizierà il processo di cristallizzazione.

    I cristalli risultanti precipiteranno. Questo è ciò che accade nell'apparato del vuoto. Lì, la soluzione, precedentemente evaporata a uno stato vicino a saturo, inizia a bollire a pressione ridotta e si addensa a uno stato sovrasaturo. Inizia il processo di cristallizzazione di massa.

    I cristalli di zucchero precipitati vengono separati in centrifughe ed eseguiti attraverso diverse fasi della lavorazione finale. Lì si alleggeriscono e si trasformano in zucchero granulato familiare, ben noto.

    Caratteristiche particolari:

    • apparecchi a vuoto;
    • centrifugare;
    • impianti di evaporazione con un concentratore.

La resa in zucchero di 1 tonnellata di colture a radice dopo la lavorazione è di circa 100-150 kg . La diffusione degli indicatori dipende non da ultimo dalla tecnologia agricola della coltivazione della barbabietola da zucchero e dalle condizioni meteorologiche nell'anno in corso (maggiori informazioni su dove crescono le barbabietole, quale clima e suolo "piacciono", leggi qui).

L'indicatore di fabbrica dell'efficienza produttiva è il rapporto di recupero dello zucchero. Mostra il rapporto tra la massa di saccarosio nel prodotto finito (zucchero) e la massa di saccarosio nella materia prima. Di solito è circa l'80%.

Come ottenere il prodotto a casa?

Diremo subito che è improbabile che sarà possibile cucinare esattamente il solito zucchero raffinato a casa. Ma è facile fare lo sciroppo di zucchero. Questo sarà un vero prodotto naturale fatto da te. L'attrezzatura per questo è la più semplice.

Sarà richiesto :

  • una quantità arbitraria di barbabietole da zucchero;
  • piatti smaltati (pentole, bacini);
  • tritacarne, coltello, spatola di legno;
  • garza o altro tessuto filtrante.

Come fare lo zucchero fatto in casa :

  1. Ordina le barbabietole, pulite dalle radici e dalle aree danneggiate. Non rimuovere la buccia!
  2. Sciacquare.
  3. In generale, metti una pentola di acqua bollente e cuoci per un'ora.
  4. Drenare l'acqua. Lasciare raffreddare leggermente e staccare le barbabietole calde.
  5. Macinare con un tritacarne o un coltello, che è preferibile. Le piastre tritate non devono essere più spesse di 1 mm.
  6. Metti le barbabietole tritate in una borsa di tela e adagia sotto una pressa. Sostituire una bacinella per il succo che scorre. Se non viene premuto, è possibile spremere il succo e manualmente, torcendo il sacchetto, come quando si preme il bucato.
  7. Dopo il primo giro, premi la polpa con acqua calda (non acqua bollente) in un volume approssimativamente uguale alla metà del volume delle barbabietole, lascia riposare. Scartare le barbabietole su un setaccio, lasciare defluire il liquido in una bacinella con succo precedentemente spremuto. Ripeto spesso lì.
  8. Riscaldare il succo risultante a 70-80 gradi e filtrare con una doppia garza.
  9. Evaporare il succo filtrato sul fornello alla densità desiderata. In questo caso, è preferibile utilizzare i piatti larghi e piatti, smaltati o in scatola.
  10. Lo sciroppo adeguatamente preparato ha la consistenza del miele liquido. È conservato, come il miele, per molto tempo.
Lo sciroppo ottenuto durante l'evaporazione deve essere costantemente mescolato con una spatola di legno - brucia facilmente.

Da 5 chilogrammi di barbabietole da zucchero si ottengono circa 1 kg di sciroppo o, in termini di, 600 grammi di zucchero puro.

Produzione di zucchero duro

Lo sciroppo deve essere bollito con cura poiché lo zucchero viene bollito per ottenere caramelle fatte in casa. Versare lo sciroppo bollito in stampi di metallo piatti. Situato in un luogo freddo. Lì, lo sciroppo si raffredda e si cristallizza rapidamente. Quindi rimane solo da estrarre dal modulo e tritare in pezzi della dimensione desiderata.

Articoli Correlati